Lug 5, 2008 - varie    1 Comment

aiutiamo i bambini a restare tali

mi è arrivata questa e-mail da un’amica, io ho firmato, per farvore, fatelo anche voi

 

Noi di aquilone Blu non smetteremo mai di lottare … ma mettetevi una mano sulla coscienza e chiedeveti se avete fatto tutto il possibile per combattere contro questa piaga ..

FIRMATE LA PETIZIONEEEEEEE

http://firmiamo.it/oscuriamoilsitodellassociazionepedofili


Aquilone Blu Onlus,è un’associazione che da anni si occupa di lotta alla pedofilia e che da anni cerca in ogni modo di contrastare questo orrendo fenomeno che si espande a macchia d’olio , soprattutto con l’incremento dell’utilizzo di internet .

Il direttivo e i volontari di Aquilone Blu, ogni giorno lavorano per divulgare informazioni, istruire e combattere la pedofilia , e ci sentiamo affranti e presi in giro quando scopriamo che in rete, i nostri figli e il popolo italiano tutto , puo’ avere libero accesso ad un sito come quello DELL’ASSOCIAZIONE PEDOFILI DANESI .

In Danimarca , L’apologia di reato (L’apologia di reato consiste nell’apologizzare, ovvero nell’esaltare o difendere pubblicamente un’azione riconosciuta reato dalla legge della nazione in cui si vive) non è punibile, in Italia si!
Chiediamo pertanto l’aiuto di tutti voi per far si che questo sito venga oscurato nel nostro paese

Giu 27, 2008 - ricette    2 Comments

Muffin

Malgrado il caldo di questi giorni mi sono ritrovata a fare i muffin perchè mio marito li adora, quindi ho pensato di postarvi la ricetta cc2b444079c56e174a539ef65406473a.jpg

ingredienti 

200 gr di farina

150 gr di zucchero

80 gr di burro

80 gr di gocce di cioccolato

100 gr di ricotta  

1 uovo

½ bicchiere di latte

1 bustina di lievito

preparazione 

In un recipiente mischiate la farina, lo zucchero ed il lievito.

Quando gli ingredienti sono ben miscelati, aggiungete al centro della terrina, il burro liquefatto, l’uovo, le gocce di cioccolato e per ultimo il latte.

Mischiate molto bene, il composto non deve risultare ne liquido ne duro.

Mettere il composto negli stampi da muffin (con questa ricetta ci fate 12 muffin) e mettete in forno (NO VENTILATO) a 180° per circa 20 minuti 

Giu 26, 2008 - ricette    1 Comment

fiori di zucca ripieni

 

f525b2736515f49d41f172918cb2a5b1.jpg

Vi propongo questa ricetta, facile e veloce con l’unico neo di essere fritta (io odio le cose fritte) ma davvero tanto buona 

 

Ingredienti (x 2 persone)

8 fiori di zucca

4 fette di prosciutto cotto

1 mozzarella

1 bicchiere di birra

2 cucchiai di farina

1 uovo

abbondante olio per friggere 

 

Preparazione 

Pulite i fiori di zucca togliendogli il pistillo, ma fate molta attenzione a non rompere il fiore. Tagliate la mozzarella in 8 fette e dividete le fette di prosciutto in 2 così da ottenerne 8 pezzi

Avvolgete in ogni pezzo di prosciutto una fettina di mozzarella ed inserite “quest’involtino” all’interno del fiore di zucca.

Preparate la pastella con 1 uovo, 2 cucchiai di farina ed un bicchiere scarso di birra e sbattere molto bene. Appena l’olio da frigger sarà caldo, bagnate i fiori di zucca riempiti nella pastella ed passateli subito in padella. Io per la cottura andavo ad occhio, ma direi che ci vogliono circa 8/10 minuti.

Giu 8, 2008 - varie    2 Comments

Secondogeniti si nasce…

Navigando in rete ho trovato questa, ………purtroppo per i secondogeniti è verissima 

Il bagnetto
Il primo bagnetto del primogenito è una cerimonia che si svolge una sola volta nella vita,
per fortuna. Il livello di apprensione dei due genitori è ai massimi
livelli e basta un’indecisione per beccarsi un vaffanculo… La
temperatura dell’acqua è uno dei fattori cruciali: un errore di pochi
decimi e il bambino è fottuto. Esistono termometri progettati apposta
per questo scopo, antiurto, galleggianti e dotati di un’inerzia infida
e difficilmente prevedibile. Siete due gradi sotto, aumentate la calda,
il termometro sta fermo per un po’, quindi parte e si ferma due gradi
sopra, aumentate la fredda… Ho sentito di gente che ha fatto fuori
dei boiler da caserma per riempire una vaschetta da 10 litri. In acqua
poi il bambino viene trattato a 4 mani, 6 se c’è una nonna presente (se
ci sono due nonne il papà deve levarsi prontamente dai coglioni!)..
Con il secondogenito scompare il termometro: si puccia il gomito e si
giudica ad occhio. La posizione del bambino viene corretta solo quando
comincia a bere.
Con il terzo si usa la tattica del polipo: lo si puccia, se le gambine si arricciano vuol dire che è troppo calda.
Credo che nessuno abbia mai lavato i figli dal quarto in poi, al massimo una
passata al lavasecco prima di Natale , per togliere le macchie più evidenti.

Il pannolino
Le aziende che producono pannolini fanno i soldi sui primogeniti. Il primogenito lo controlli:
-per definizione dopo ogni poppata;
-ogni volta che senti un rumorino;
-ogni volta che una nonna sente un rumorino (anche per telefono);
-ogni volta che senti un’odorino;
-ogni volta che una nonna sente un’odorino (anche per telefono);
-ogni volta che non sai cosa fare.
Apri, niente, ma il pannolino lo cambi lo stesso.
Con il secondogenito cambi il pannolino appena prima che i vicini di casa chiamino il camion per gli spurghi pensando che sia un problema di fossa biologica.
Il terzo il pannolino se lo cambia da solo, e pedalare.
Dal quarto in su i pannolini o se li comprano, oppure vasino.

Il biberon
Dopo la nascita i casi sono due: o allattamento al seno, o biberon. L’allattamento al seno presenta molti vantaggi, è più sano, più naturale, il latte è sempre pronto alla temperatura giusta, la tetta è per definizione sterilizzata e allatta solo la mamma (questo, ovviamente, è un vantaggio solo se siete un papà). Ma il vantaggio più importante è quello di potere avere una mano libera, essendo la tetta autoreggente (almeno si spera). L’allattamento a biberon prevede viceversa l’uso di due mani, una che regge il bambino, l’altra che regge il biberon. La questione è di secondaria importanza per le prime poppate del primogenito, durante le quali rimirate rapiti con sguardo ebete il vostro virgulto, attenti a che non scenda una gocciolina di latte sulla guancina, e che la tettarella sia sempre piena acciocchè non abbiano a formarsi bolle d’aria nel pancino, noncuranti del fatto che sono le tre del mattino, ci sono 12 gradi e voi siete in mutande e canottiera, perchè travolti dal pianto isterico di quel b*****o avete dimenticato pure le ciabatte.
Con il secondo quei 20 minuti che dura mediamente un poppata sono eterni. Dopo 30 secondi
cominciate a guardarvi in giro sconsolati alla ricerca di qualcosa da fare, e soprattutto di un modo per farlo. Quei 90 cl di latte glieli parereste giù col compressore. Di solito in queste situazioni ci si trova sul divano del salotto, e la prima tentazione è quella di accendere la tele, ci sarà pure qualche cazzo di roba da vedere. Per una delle leggi di Murphy il telecomando si trova sempre alla distanza di Tantalo, vicino ma irraggiungibile. E poi, anche se fosse raggiungibile, bisogna liberare una mano. Gli stratagemmi sono svariati: quello che viene più naturale è cercare di reggere il biberon con il mento, esercitando una leggera pressione. I figli degli appassionati di questa tecnica soffrono spesso di palatoschisi.
Viceversa si pu liberare la mano che regge il bambino, tenendolo con l’incavo del braccio.
Ad alcuni genitori dopo il secondo figlio spuntano addirittura delle ditina all`interno del gomito, che consentono tra l’altro di fare il gesto dell’ombrello con un braccio solo. Alla fine ci si ingegna, si recupera il telecomando con un piede esibendo uno snodo tipo Heather Parisi, si libera una mano e si zappa, finalmente. Nel frattempo il biberon è orizzontale da 10 minuti, il bambino ha ingurgitato aria sufficiente a farlo scorreggiare per tutta la vita e si spara 2 ore di coliche .
Non so cosa succeda dopo il secondo.
Pare che il terzo impari prestissimo a reggersi il biberon da solo, mentre il quarto esce spesso per andare al ristorante.

La documentazione
Del primogenito si documenta tutto. Esistono addirittura delle specie di diari con gli appositi spazi per annotare giorno per giorno tutti i parametri vitali del bambino, e pagine speciali per gli
eventi eccezionali, il primo dentino, la prima parola, i primi passi. A volte c’è anche uno spazio feticista per appiccicare ciocche di capelli o altri pezzi del bambino stesso. Una mamma ha tabellata in testa a vita tutta la curva di crescita del suo primogenito, come un gigantesco
file excel. Anche il papà, che per dopo un paio di mesi formatta e non
si ricorda più un cazzo.
Con il secondogenito scompare il quadernino, e con questo anche ogni tracciabilità. Il suo grafico di crescita è un gradino: prima non c’era, adesso c’è.
Del terzo ci rendiamo conto che è figlio nostro solo quando ci chiede il motorino.
Dal quarto in su è impossibile distinguerli dai compagni di nido, di asilo o di scuola. Dopo una festa di famiglie numerose capita di beccarsi i figli degli altri.

Il sonno
Il primogenito mangia ogni 2 ore, giorno e notte. Tra un pasto e l’altro talvolta dorme, ma siete talmente in ansia che non si ingozzi con il vomito che vi alzate comunqe ogni cinque minuti per
vedere se respira. Il tempo di reazione a un suo pianto è di 6 secondi netti. Quando cresce va a letto con la mamma o col papà , o con entrambi, e si fa leggere un minimo di 8 favole per sera.
Il secondo mangia ogni 4 ore, la notte anche 6, e tra un pasto e l’altro dorme come un tonno, eppure ogni volta che si sveglia si becca un vaffanculo…
Il tempo di reazione al suo pianto va dai 3 ai 15 minuti, ai quali va aggiunto il tempo per trovare la culla dispersa per la casa (cosa che ricorda molto la caccia al cellulare).
Quando cresce va a letto con il primogenito, che gli racconta quel cazzo che gli pare.
Il terzo mangia quando può e va a letto con i primi due, che gli raccontano le loro avventure sessuali.
Dal quarto in poi dormono direttamente in discoteca.

Giu 2, 2008 - varie    2 Comments

Festa della Repubblica Italiana

Visto che oggi è la festa della Repubblica e che purtroppo per molti è solo un giorno di riposo in +, non sanno neppure cosa sia successo questo giorno, volevo inserire quest’articolo che mi è molto piaciuto

 

 

19fa09752a021b58a500118863b9d511.jpgLa Francia festeggia il 14 luglio la Presa della Bastiglia, gli Stati Uniti il 4 luglio l’Independence Day; per l’Italia la Festa Nazionale arriva il 2 giugno.

In questa data si ricorda il referendum istituzionale del 2 e 3 giugno 1946 con il quale gli italiani furono chiamati a scegliere la futura forma di governo, nel ballottaggio monarchico-repubblicano.

La Monarchia ricevette 10.719.284 preferenze; con 12.717.923 voti a favore era nata la Repubblica Italiana!

Sofferta la vittoria repubblicana, che ottenne al Centro-Nord un buon 63%, mentre al Sud vinse la Monarchia con il 67% dei voti.
Al voto di Ravenna, la città più repubblicana (91,2%) si contrapponeva l’85,4% monarchico di Messina.

Comunque su scala nazionale la sconfitta monarchica provocò l’esilio dei regnanti di Casa Savoia, che sono tornati in Italia solo nel 2003, dopo 57 anni d’esilio.

Importante aggiungere che per l’occasione si ebbe la prima tornata elettorale italiana a vero suffragio universale: finalmente anche le donne andarono alle urne.

Nel giugno 1948 ai Fori Imperiali di Roma si svolse la parata militare in onore della Repubblica.

Nel 1961, centenario dell’Unità, le celebrazioni si svolsero anche a Torino e Firenze, prime capitali dell’Italia unita.

Tutt’oggi la Festa della Repubblica prevede la deposizione di una corona d’alloro al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria a Roma (il Vittoriano) e una parata militare ai Fori Imperiali alla presenza delle più alte cariche dello Stato.

Nel pomeriggio vengono aperti al pubblico i giardini del Palazzo del Quirinale, sede della Presidenza della Repubblica Italiana.

La giornata del 2 giugno di recente è diventata anche Giornata Nazionale dello Sport.

La Festa della Repubblica è l’occasione per rivisitare i simboli della nostra Patria.

Lo stemma della Repubblica, ad esempio, è formato da tre elementi: la stella, la ruota dentata, un ramo di ulivo a sinistra e uno di quercia a destra.

La stella è da sempre uno degli emblemi d’Italia, già nell’iconografia del Rinascimento. Il simbolo della stella indica tra l’altro l’appartenenza alle Forze Armate del nostro Paese.

La ruota dentata d’acciaio è il simbolo dell’attività lavorativa e traduce il primo articolo della Carta Costituzionale: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”.

Arriviamo ai ramoscelli, ai quali raramente si presta attenzione.
Sono due differenti presenze arboree nostrane.
Il ramo di ulivo simboleggia la volontà di pace della nazione, sia interna che internazionale, mentre la quercia incarna la forza e la dignità del popolo italiano.

Del Tricolore, bisogna ricordare che, come bandiera nazionale, nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, nell’ambito della Repubblica Cispadana.

La foggia a tre fasce verticali si ispira al modello repubblicano francese del 1790.

Proprio i vessilli dei reggimenti della Legione Lombarda che affiancavano le truppe napoleoniche presentavano i colori bianco, rosso e verde, di forte radice regionale: il bianco e il rosso, sono nello stemma comunale di Milano (croce rossa su campo bianco), mentre verde era il colore delle uniformi della Guardia civica milanese.

Sotto il Regno d’Italia si aggiunse in campo bianco lo stemma della corona reale.

Lo stemma, ma questa volta della Repubblica, campeggia invece nel vessillo ideato per il Presidente della Repubblica.

 

Articolo copiato integralmente dal sito di leggievai     http://www.leggievai.it/feste-istituzionali/festa-della-repubblica.php 

Mag 29, 2008 - punto croce    4 Comments

punto croce

Al volo, le ultime due cosine finite a punto croce, sono il regalo per la bimba di un’amica che dovrebbe nascere entro un mesetto. Due lavorini semplici e veloci, ma al momento ho per le mani troppe cose e non riesco a farne di + elaborati.

Spero che le piacciano

364387714.jpg
Mag 29, 2008 - punto croce    4 Comments

quale preferite?

Tra due settimane una mia amica si sposa  ed io le ho ricamato il cuscino portafedi, o per meglio dire i cuscini. Terminato di ricamare il primo sul lino, non ero entusiasta del risultato, così ho preferito farne anche un secondo, ora non sò quale scegliere così glie li darò entrambi.

Io purtroppo con la macchina da cucire sono una frana, così finito di ricamare ho passato tutto alle mani esperte di mia mamma che li ha cuciti, imbottiti,….e come al solito ha trasformato il tutto in capolavori

Alla fine sono entrambi molto belli, ma molto diversi. Venerdì li darò alla sposa, chissà quale sceglirà

413748314.jpg

 

1594439306.jpg

 

 A voi quale piace di più?

Mag 28, 2008 - ricette    3 Comments

un biscotto?

ho bisogno di pasticciare un po’, stare a casa con i bimbi è bellissimo, ma io non so stare ferma, così ho fatto un po’ di biscotti. Purtroppo la fusione del cioccolato non è riuscita molto bene, forse ho sbagliato a mischiare tipi diversi di cioccolato, ma dovevo cercare di ridurre la scorta accumulata da Pasqua, di conseguenza è rimasta grumosa e piuttosto “stretta”, la prox volta so cosa NON devo fare

Se volete provare a cimentarvi (è una ricetta molto facile) anche voi, questa è la ricetta:

1 kg di farina

400 gr di burro

3 uova

250 gr di zucchero a velo

2 bustine di vanillina o 1 fialetta di aromi all’arancio

1 bustina di livito x dolci

 

Mischiare tutti gli ingrediente molto velocemente e formate una palla. Lasciate riposare il composto per una decina di minuti, nel frattempo munitevi di matterello, stampini, un po’ di farina per il tagliere.

Stendete la pasta fino a quando non è spessa circa 8 mm e poi tagliarla con le formine.

Informate a 180°  x 12 minuti circa.

59336882.jpg415089525.jpg

 

Mag 22, 2008 - varie    2 Comments

Non sono impazzita

Ieri ho cambiato sfondo e grafica al blog diverse volte, penso almeno una decina  ma volevo trovare un qualche cosa che ricordasse l’estate, soprattutto visto che fuori non è proprio il tempo migliore che si possa sperare, volevo portare un po’ di calore con qualche immagine. Spero che quella che ho scelto vi piaccia, perchè a me piace molto.

Mag 21, 2008 - libri e fumetti    1 Comment

E voi leggete?

io mi sono avvicinata alla lettura da poco, da quando lo scorso anno un’amica mi regalò per il mio compleanno L’alchimista di Coelho, davvero molto bello. Poi incuriosita dal tanto parlare dei libri di Sophie Kinsella (tutt’altro genere di Coelho) ho voluto provare, e ne ho comprato prima uno, poi un’altro,….Ora ho appena terminato  “La regina della casa”  davvero bellissimo, a mio parere + bello dei precedendi (I love shopping, I love shopping in New York e I love shopping in bianco).

Se vi piacciono le letture non troppo impegnane, che vi facciano sorridere, non potete perderlo 

90dfa3abed2e366ff3a38240c21a5f0a.jpg

 queste le note di copertina

A soli ventinove anni Samantha Sweeting è già la star di un noto studio legale di Londra. Pochi minuti di una sua consulenza valgono una fortuna. Lavora giorno e notte ed è tutta concentrata sulla carriera. Ma proprio mentre aspetta con ansia di essere nominata socio dello studio si accorge di aver commesso un errore, una svista che le costerà il posto. Sconvolta, fugge dairufficio e si ritrova in aperta campagna con il cuore in tumulto. Chiede informazioni in una splendida casa e per un malinteso viene scambiata dai proprietari per una delle candidate al posto di governante di cui sono alla ricerca. Loro non sanno che stanno per assumere una ragazza dal quoziente intellettivo stratosferico e, dal canto suo, Samantha non ha la più pallida idea di cosa significhi tenere in ordine una casa… È una vera catastrofe domestica. Ma non può tornare indietro e decide di rimanere, almeno per un po’.
Così, grazie all’aiuto e all’amore del giardiniere, piano piano Samantha comincia a entrare in sintonia con il suo nuovo stile di vita. E quando il passato torna a bussare alla sua porta, deve prendere una decisione. Che cosa vuole veramente? Tornerà alla sua vecchia vita?
La regina della casa è la storia di una ragazza che ha bisogno di rallentare. Di trovare se stessa. Di innamorarsi. Di cominciare finalmente a vivere. E di scoprire a cosa serve un ferro da stiro.

Pagine:«1234567»